VOCI

Ognuno di noi ha tra le caratteristiche personali un proprio timbro vocale. Il timbro di una voce dipende da numerosi fattori quali le caratteristiche delle corde vocali (lunghezza, elasticità, spessore), delle cavità del cranio (forma, dimensioni), del tono muscolare deglii organi articolatori (diaframma, lingua). Ecco come una voce può avere così un timbro profondo, gradevole, squillante, aspro, nasale e quant'altro.

Dal punto di vista acustico, la voce è un segnale complesso, la somma di tante onde semplici generate lungo il canale fonatorio. Alcune di queste componenti riguardano il testo e permettono di capire un discorso, altre riguardano il modo in cui il testo viene prodotto e danno la percezione del timbro (o colore) della voce.  

Nella comunicazione verbale ‘faccia a faccia’ il segnale riguardante la trasmissione del testo è occupa solo il 10% del segnale totale, mentre il restante 90% trasmette informazioni sul parlante e sul suo stato emozionale. Il timbro di una voce riguarda proprio questa ampia porzione spettrale che rende distinguibile e unica la voce. 

Molti studi sulla possibilità di identificare un parlante o un cantante in base alla sua voce considerano il timbro, in analogia con l'impronta digitale (fingerprint), come una vera e propria impronta vocale (voiceprint). Già solo questo ci fa capire quanto possa essere ricco e importante lo "strumento" voce in musica.