FORME / ballata e rondò

La ballata è una forma monopartita, il tipo più semplice di struttura formale, tipica delle antiche melodie di menestrelli, trovatori, trovieri e di molte musica popolare.

Essa prevede infatti un unico tema che si ripete più volte, con al massimo semplici cambiamenti di tonalità che lasciano intatta la melodia.

In pratica la ballata è un canto narrativo suddiviso in strofe, la cui melodia ha lo scopo di sostenere al meglio il racconto del testo.

Il rondò è una forma particolare in quanto non c'è un limite preciso al numero dei temi in cui essa si articola. Tuttavia la sua struttura logica è abbastanza semplice: ad un tema principale ricorrente seguono un certo numero di altri temi, ognuno dei quali viene sempre preceduto dalla riproposta del primo tema. 

Questo continuo ritorno al primo tema prima di ogni nuovo episodio melodico genera la sensazione di un giro, in francese rondeau, che ricomincia. Schematizzando avremo dunque un tema A, cui segue un motivo B, poi ritona A, segue un tema C, poi torna ancora A e così via secondo l'idea musicale del compositore.

La forma del rondò avrebbe quindi una struttura di questo tipo: A - B - A - C - A - D - A - E - A (ecc.)