REGOLE / tempi e suddivisioni (semplici-composte)

Normalmente ogni battito di una pulsazione viene suddiviso in due tempi, uno in battere e uno in levare. Ciò significa ad esempio che, durante l'esercizio-studio del solfeggio, il movimento della mano corrispondente ad una pulsazione si compone di un battere e di levare (vedi figura animata).

levare battere

La suddivsione in questo caso si dice semplice in quanto composta da due soli elementi, quelli che possiamo scrivere come due crome, una in battere e una in levare appunto. Ecco un esempio di ritmo binario con suddivisioni a loro volta binarie, ossia in tempo semplice.

Nella musica esiste però anche la suddivisione della pulsazione in tre suoni di uguale durata. In questo caso si parla di gruppi irregolari rispetto al tempo semplice, o meglio ancora di terzine, indicate come nelle figure sotto sulla base delle pulsazioni che vanno a suddividere.

< a sinistra una terzina di crome che va a suddividere una pulsazione scritta con valore di semiminima (1/4) come a destra >

< a sinistra una terzina di semiminime che va a suddividere una pulsazione scritta con valore di minima (2/4) come a destra >

Ecco allora un esempio di ritmo in tempo semplice in cui sono presenti gruppi irregolari di terzine:

Il movimento della mano nel caso della suddivisione ternaria della pulsazione non sarebbe scompostao in battere e levare come nei tempi semplici, ma andrebbe a tracciare i vertici di un ipotetico triangolo.
Quando si va a scrivere musica basata su terzine, ossia su una suddivisione ternaria delle pulsazioni, allora si preferisce indicare la misura del brano in tempo composto. Una misura binaria in tempo semplice di 2/4 diventerebbe quindi una misura in tempo composto di 6/8, costituito cioè da due pulsazioni ognuna suddivisa in tre crome da 1/8.
La stessa indicazione di misura in tempo composto qui sopra può scriversi sostituendo all'otto del denominatore il simbolo della semiminima puntata, che corrisponde, come illustrato qui a destra, alla somma di tre crome.  ;

Anche i tempi composti hanno quindi misure binarie, ternarie e quaternarie come le stesse misure in tempi semplici. Cambia ovviamente l'indicazione del tempo nella misura a inizio spartito. La tabella sotto mostra le corrispondenze tra misure in tempo semplice e misure in tempo composto.

Ecco infine un ritmo con misura binaria, ma con suddivisione in tempo composto di 6/8: